Come fare ecommerce e vendere online

Come fare ecommerce e vendere online

Il ritardo accumulato dalle imprese italiane nell’investire online e nell’ecommerce è da sempre causato da due fattori principali: un problema di cultura, la paura di competere con i colossi.

Nell’ultimo anno abbiamo assistito ad una svolta epocale in quanto l’utenza finale si è abituata ad utilizzare ed apprezzare strumenti per l’acquisto online che fino a poco prima erano considerati non sicuri o di dubbia utilità. Non si tornerà più indietro.

Oggi bisogna esserci cercando di bilanciare il vecchio con il nuovo. Differenziarsi dalla concorrenza mantenendo il valore dalle persone, della competenza, della qualità dei prodotti e dei servizi offerti.

Ci sono tre concetti da valutare prima di intraprendere lo sviluppo di una piattaforma ecommerce:

  • I clienti si aspettano istantaneità per cui dobbiamo essere pronti a fornire risposte quasi in tempo reale e un servizio di logistica all’altezza.
  • Il prodotto deve essere voluto dal mercato e quel mercato deve essere disposto a pagarlo.
  • I clienti comprano dallo smartphone per cui la piattaforma deve garantire un facile utilizzo da mobile.

Passare al digitale non significa solo fare comunicazione con nuovi strumenti ma significa cambiare modo di fare business. In questo processo l’impresa è parte integrante del progetto e deve essere affiancata da una adeguata formazione, da un progetto di comunicazione nel medio-lungo termine e da un supporto operativo reattivo e  qualificato.

 

Come iniziare a vendere online

Ogni realtà ha un target differente. Ci sono ristoratori che puntano solo al delivery locale, negozi che possono inviare i propri prodotti su tutto il territorio nazionale ed aziende che vogliono proporre i loro servizi oltre confine verso un nuovo pubblico e nuovi mercati.

Esistono “soluzioni per tutte le taglie”, dalla più veloce da realizzare e gestire alla più completa e ricca di funzionalità con integrazioni a sistemi gestionali e magazzino. Alla base di un progetto ecommerce è importante definire alcuni aspetti fondamentali: la piattaforma da utilizzare, l’affidabilità e la sicurezza da garantire ai clienti ed un corretto piano di web marketing per far conoscere il nostro negozio al pubblico generando vendite e fidelizzazione.

Definito il budget e il progetto, sarà quindi possibile partire con le attività valutando la crescita nell’arco di pochi mesi ed ottimizzando le procedure adottate oltre alla possibilità, in alcuni casi, di affiancare inizialmente anche canali di vendita orizzontali quali grossi marketplace (amazon, ebay,…).

La vendita online di prodotti e servizi tramite marketplace nazionali ed internazionali è sempre un primo valido approccio alla vendita online e, soprattutto, una modalità efficace per esplorare il mercato e il grado di apprezzamento dei nostri prodotti e servizi da parte degli utenti.

Cos’è un marketplace?
E’ una piattaforma di commercio elettronico che mette in contatto coloro che offrono un prodotto o un servizio con dei possibili acquirenti. Su queste piattaforme sono presenti più aziende che propongono i loro prodotti o le loro prestazioni. Per molte aziende che non hanno mai affrontato la vendita online, iniziare a vendere da un marketplace permette di sondare la risposta del mercato e spesso è il preambolo per arrivare ad avere un proprio sito ecommerce. Esistono centinaia di marketplace molti dei quali verticali su un tema o una tipologia di prodotto.

Pro e contro dei marketplace
Sono dei validi canali per gestire il primo approccio alla vendita online, utili a sperimentare il gradimento dei prodotti e a gestire un’esplorazione per chi vuole vendere all’estero senza fare da subito grossi investimenti. Di contro richiedono il pagamento di una commissione sulle vendite, spesso presentano, tra i risultati, prodotti analoghi della concorrenza a prezzi più competitivi, rallentano il processo di fidelizzazione con il proprio brand.

 

La scelta della piattaforma

In base al budget è possibile spaziare tra differenti piattaforme per implementare il nostro ecommerce. Dalle più diffuse soluzioni open-source (woo commerce, prestashop, shopify, …) che garantiscono comunque una valida personalizzazione sia visiva che funzionale, alla possibilità di realizzare progetti completamente custom con maggiori garanzie di sicurezza, scalabilità e integrazione.
Con un progetto ben strutturato è possibile iniziare a vendere online anche in più fasi sviluppando il business poco alla volta minimizzando gli investimenti ed ottimizzando il tutto in base ai risultati ottenuti.

 

I metodi di pagamento e la consegna

Chi acquista online si aspetta di poter pagare con metodi standard per cui occorre predisporre gli strumenti necessari per non deludere i clienti.
Il servizio POS virtuale, spesso offerto direttamente dalla propria banca, è in assoluto il più diffuso e garantisce la possibilità di pagare con carte di credito dei principali circuiti (VISA e Mastercard). Esistono inoltre numerose altre piattaforme (es. Stripe) che offrono sistemi per la gestione dei pagamenti online.
Fondamentale è anche l’integrazione di un sistema di pagamento come PayPal che, se non considerato, comporterebbe la perdita di molti potenziali clienti.
In alcuni contesti, specialmente nei settori B2B, resta valido anche il bonifico bancario in quanto il processo di vendita di alcuni prodotti o servizi potrebbe comportare tempi di gestione maggiori e più complessi rispetto ad un normale negozio destinato ai consumatori finali.

Le procedure per la gestione delle consegne sono tipicamente scelte logistiche effettuate dall’esercente stesso indipendentemente che questo sia un piccolo negozio o un’azienda più strutturata.
Resta fondamentale il concetto che i tempi di risposta e di gestione di un ordine online devono rispettare sempre le aspettative del cliente. Tempi di attesa troppo lunghi, mancate risposte, mancato tracciamento delle spedizioni o un servizio poco trasparente comporta non solo la perdita immediata del cliente ma il rischio che quest’ultimo distribuisca in rete feedback negativi relativi alla nostra attività.

 

Il marketing online

Passare al digitale significa cambiare anche modo di fare business.
In base al pubblico che vogliamo raggiungere, essere facilmente trovati nei motori di ricerca, fare promozione sui principali social network e comunicare tramite strumenti di web marketing diventa di fondamentale importanza.
La nostra struttura può supportarvi in tutti i processi necessari per sviluppare ed avviare il vostro ecommerce. Possiamo definire un progetto adeguato al vostro budget e sviluppare un percorso che includa tutti gli strumenti necessari per aumentare la visibilità e la popolarità in rete del vostro brand, dei prodotti e dei servizi offerti.
Analizzando i risultati è possibile inoltre modificare le attività in corso per ottenere obiettivi certi nel medio periodo.